epub. Alla ricerca di un workflow

qualche dubbio sugli epubSembra che a detta di tutti fare un epub sia una cosa semplicissima, la classica cosa da “premi il tasto e via, fatto”. Certo, qualcosa succede, ma vi ricordate i siti fatti con Frontpage? È la stessa situazione.

C’è sempre confusione fra HTML e XHTML, tanto da portare una persona di solito accorta come Zeldman ad affermare “che ci vuole, prepara i tuoi file in HTML valido (dimenticando che lui stesso afferma che il 99% dei siti web a oggi non è valido… se non sono capaci di produrre codice valido gli sviluppatori figurati gli aspiranti editori elettronici), zippa tutto e converti in pacchetto con bookglutton“.
Peccato che anche bookglutton contribuisca alla confusione, perchè la procedura guidata chiede di:

  1. Upload an HTML book produced from our specifications (see below).

Uno va a leggere le specifiche e scopre che “Before you upload your ZIP you MUST format your content as XHTML 1.1″. Bah.

Comunque, stabilito che a me interessa usare il formato epub, ho provato un po’ del software disponibile, non molto a dire la verità.
Sigil di per sé è un onesto editor, ma così limitato… non fa nemmeno le tabelle. Comunque, meglio che niente. Vediamo Calibre. Ok, nemmeno questo mi sembra un granché, promette bene una utility a linea di comando chiamata “epub-fix”, ma l’interpretazione del codice di Calibre è alquanto “personalizzata”. Non mi piace.

Stanza? Mi sembra di essere tornato ai tempi di mio nonno, e funziona decentemente solo su Iphone/Ipad, la versione desktop è una specie di tritatutto. Se volete ridurre il vostro epub a solo testo, l’ideale.

Insomma, a fronte di tutti questi annunci mirabolanti sul futuro e la tecnologia, non ci sono strumenti realmente efficaci e in grado di produrre senza grosso danno e perdita di tempo file epub validabili senza dover ricorrere a interventi anche pesanti sul codice.

E-cub e Jutoh sembrano fatti da persone che sanno di cosa stanno parlando, bravi. Sanno cos’è l’accessibilità e gli editor permettono di creare versioni audio dei libri in mp3 con LAME. Jutoh non è gratuito ma vale i soldini che costa. Dagli stessi autori di Writer’s Cafè, un altro bel software.

La verità è che produrre un epub di qualità non è per niente facile, e le uniche soluzioni realmente funzionanti sono commerciali, per esempio Adobe Indesign. Ma questa è la parte più semplice della questione, perché se il file di partenza non è fatto con tutti i crismi, utilizzando estensivamente gli stili di paragrafo, inserendo le immagini inline e con il flusso del testo ben consolidato e concatenato, col cacchio che ti viene un epub. Vengono dei file sparpagliati su cui devi mettere pesantemente le mani con la speranza di non dimenticare una doppia virgoletta, perché siamo in XML e i parser non correggono nulla. E devi sperare che non ci siano modifiche da fare dopo che hai validato il file, perché metterci le mani significa o ricominciare da capo o saper usare XML e lavorare nel codice.

Per piccole modifiche, a mio parere una possibile soluzione viene ancora da Adobe, PDFXML Inspector, un tool che appartiene al progetto MARS. È leggero e non si inchioda ogni tre minuti, diciamo che dura almeno 5.

Alla fin fine, l’unica via che mi sembra realmente praticabile per ora è creare i documenti sorgenti in Indesign seguendo alla lettera tutti i consigli di Adobe, produrre l’epub, rinominare il file cambiando l’estensione in .zip, scompattare il file preservando la struttura delle directory, creare un nuovo sito in Dreamweaver e lavorare sul codice con DW. È come voler rifare un vecchio sito fatto in Frontpage per renderlo standard, mettetevi il cuore in pace. Poi per vedere l’epub dovete creare un nuovo zip di tutti i contenuti, rinominarlo .epub e guardarlo in un viewer. E nel caso ricominciare da capo.

E bisogna conoscere bene XHTML 1.1 e CSS, ricordando che le specifiche di epub sono un po’ differenti. E incrociare le dita.

E non accenno nemmeno all’accessibilità, perché tutti gli epub sparpagliati nel mondo sono in XHTML 1.1, mentre lo schema compatibile con Daisy è DTBook, e nemmeno questo è supportato decentemente… mah. Non sappiamo usare gli stili di paragrafo in Word dopo trent’anni, mi sembra eccessivo parlare di schemi XML. E lasciamo perdere le numerose e inverosimili incompatibilità fra i vari editor/viewer… bah. Mah, anche. E ho visto anche una versione latinizzata del formato: epubis. Mah.

4 pensieri su “epub. Alla ricerca di un workflow”

  1. Lamentazione sensata, anche perché come mi lamentavo anche io altrove (http://salvoesaurimentoscorte.wordpress.com/2010/05/10/lamentazione-pubblica-in-difesa-dellepub/ ) le codifiche ufficiali dell’epub sono gestite in maniera assolutamente casuale a seconda del client che si utilizza per la lettura del testo.
    Devo dire che ultimamente (vedi il nostro jukebooks http://www.quintadicopertina.com/jukebooks/ ) abbiamo preferito lavorare sui css e xhtml “puri”, senza farli convertire da quello o questo convertitore. Alla fine è il metodo migliore per avere del codice pulito e correggibile sapendo dove mettere le mani.
    Ma la strada per avere della formattazioni reflow che abbiano la stessa dignità di quelle cartacee è ancora molto lunga. E -in questo caso- non è colpa degli editori :P

    un saluto.

  2. Ciao a te. Probabilmente è il metodo migliore per uscirne in modo pulito, e uso Dreamweaver perché creando un sito della cartella dei file diventano disponibili molte funzioni (basta pensare alla gestione dei link o al trova/sostituisci, o alle funzioni di pulizia del codice, la gestione dei css col preview…).
    Però ho trovato efficace anche preparare il file in Indesign. Se il file è ben costruito (alla fin fine si tratta di usare correttamente gli stili di paragrafo e di testo, non è poi così complicato, e di inserire le immagini inline) il risultato è già piuttosto pulito. Mi piace molto Jutoh, anche.

  3. Arrivo molto tardi.
    Ho iniziato da poco in questo mondo di “editoria digitale” e devo dire che InDesign a parte, mi trovo molto bene con Sigil: pochi fronzoli e via con il codice.

  4. Sì, alla fin fine Sigil è l’unico editor veramente funzionante, ma resta fondamentale conoscere il markup qualsiasi editor si usi.
    In fin dei conti il set di elementi di epub è quello di xhtml 1.1 base, non ci sono nemmeno le tabelle… non troppo difficile per qualcuno che ha esperienza con le pagine web.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>